Progetto a tema: gioco euristico

Il gioco euristico è la progressione del cesto dei tesori. Euristico arriva dalla parola greca “heurisko” che significa trovare. In particolare sta ad indicare il “lavoro” che i bambini attivano con il materiale proposto dall’edusm8catrice”

Il materiale proposto:3 barattoli, 4 scatole, 5 sacche con materiali diversi, ogni sacca avrà all’interno un tipo di materiale, che possono essere tappi di vario genere, mollette, anelli per tende, bigodini, palline, pon pon ecc. Deve essere presente sempre la sacca con le catene e la sacca con i tubi.

Questo gioco offre l’occasione al bambino di:

  • Sperimentare la natura degli oggetti: consistenza, suono, capacità..
  • Selezionare riconoscendo differenze e somiglianze
  • Paragonare
  • Sperimentare atti semplici in libera sequenza: riempire-vuotare, infilare-sfilare, sovrapporre, mettere in sequenza, mettere in equilibrio…

Attività di manipolazione

sm1Il bambino inizia a manipolare sin dai primi mesi della sua nascita: dal corpo della madre, ai tessuti al cibo, fino ad arrivare ai due anni in cui manipola anche gli elementi naturali come l’acqua, la sabbia e la terra.

Le attività strutturate di manipolazione da proporre ai bambini dai 18 mesi ai 36 anni sono: l’impasto di farina e la creta, esse sono utili per acquisire e confrontare esperienze, memorizzare le sensazioni, produrre trasformazioni, scoprire i rapporti causa-effetto, favorire la maturazione del controllo sfinteriale e sviluppare l’autonomia.

Attività grafico – pittorica

Questa attività grafico pittorica con i colori a dita va proposta dopo che il bambino ha fatto esperienza nel gruppo lattanti con la manipolazione del cibo, della pastella e che abbia raggiunto una stabilità motoria. sm6In questa attività si da la possibilità al bambino di manipolare il colore e di lasciare un’impronta sul foglio di carta. Non come un timbro, ma lasciando che il bambino sperimenti.

Progetto a tema: travasi                  

I travasi nell’ambito Montessoriano vengono considerati  un’attività di vita pratica, una ginnastica propedeutica alla vita nell’ambiente reale.

Le prime esperienza di travasi :travasi solidi e travasi liquidi, vengono proposte  intorno all’anno  – anno e mezzo ; per sperimentare le prime attività di travaso è molto importante che il bambino abbia conquistato una buona stabilità motoria. sm2

Le prime attività di travasi sono le attività dei primi movimenti della mano (azioni primarie), un’ ottima occasione di concentrazione occhio-mano.

L’attività dei travasi è un’attività strutturata, organizzata dall’adulto, che prepara i vari travasi e li predispone nell’ambiente, dando loro un posto preciso.

L’adulto accompagna il bambino nella presa, nel trasporto del vassoio e nel riordino, che è parte integrante dell’attività.

Nel grupo semi divezzi i travasi proposti saranno: Primo travaso solido semplice, Vaschetta con sostanze, Travaso 2 ciotole e mestolo grande , Travaso su vassoio da 2 contenitori

Attività di cucina sm7

Ai bambini di questa fascia di età proponiamo semplici attività di cucina in piccolo gruppo come ad esempio sgranare i piselli, sbucciare il mandarino, spalmare la marmellata …  Queste attività hanno lo scopo di riconoscere e nominare gli alimenti e di sviluppare le competenze oculo – manuali e la coordinazione.

 Progetto a tema: attività intuitive e di concentrazione

Le attività intuitive comprendono tutte quelle attività di atti semplici: infilare, associare, incastrare, arrotolare, appendere, sfogliare, assemblaggio. Sono delle semplici attività strutturare e organizzate in vassoi o scatole per facilitare il trasporto di tutto il materiale che serve per svolgere l’attività. Inoltre danno indirettamente il senso di contenimento di sé stessi e di ordine nell’ambiente.

Le attività intuitive che posso risultare più complicate vanno ordinate sm5nella zona di concentrazione per favorire il bambino a sperimentare e ad esplorare al meglio il materiale che sta utilizzando.

Progetto a tema: nomenclature

L’attività di nomenclatura è un momento di concentrazione molto importante per il bambino in quanto permette di interiorizzare nuove parole e suoni diversi dal solito, sviluppando così il linguaggio. Attrsm4averso questa attività il bambino impara anche a riconoscere le figure e ad associarle agli oggetti tridimensionali. È dunque importante che nelle immagini siano rappresentati oggetti di uso comune (frutta, mezzi di trasporto, animali della fattoria, strumenti musicali) in modo che il bambino possa associare quell’immagine alla realtà che lo circonda. Per questa fascia di età si proporranno nomenclature semplici di associazione immagine oggetto.