Progetto “Primi passi al Nido, benessere e cura”

lattanti 1Dietro all’idea di promozione di benessere e cura, c’è l’attenzione a proporre ai bambini esperienze che li stimolino, li divertano e rispondano alle loro esigenze per creare e rafforzare il legame tra adulto e bambino e fra bambini, di dare rassicurazione, creare possibilità, affrontare i primi ostacoli, di dare supporto. Si tratta di creare le basi su cui costruire nel corso dell’esperienza al Nido.

Viene data importanza:

  • al rispetto dei tempi e delle routines (pappa, nanna, cambio);
  • all’esplorazione e alla valorizzazione del contatto e della comunicazione;
  • alla ricerca di canali comunicativi adatti all’età dei bambini come la musica, le canzoni che rassicurano e rasserenano.

 Cestino dei tesori

cestino tesoriIl cestino dei tesori è un’esperienza sensoriale ove offriamo ai bambini un’ampia possibilità di esperienza attraverso i 5 sensi: vista, tatto, gusto, olfatto e udito.  L’esplorazione degli oggetti, avviene con la bocca e le mani e si ha un primo coordinamento occhio-mano-bocca. Il cestino dei tesori contiene oggetti che si trovano in natura, manufatti di materiale naturale, oggetti di legno, metallici, di gomma, di carta e cartone…  Il bambino è attratto da tutto ciò che gli sembra serio.

 Esperienze grafico – pittoriche con i colori naturali a dita

(manipolazione)

L’attività pittorica delle pastelle (colori a dita) è la prima esperienza che viene proposta ai bambini per colorepoter iniziare a lasciare un segno anche se il linguaggio non è ancora presente. Le pastelle sono preparate con ingredienti che si trovano in natura, come ad esempio, lo zenzero, la passata di pomodoro e le foglie di spinaci.

 

 

Prime esperienze di travaso

travasiAttraverso l’uso della mano il bambino sviluppa la propria intellige

nza, ma la mano, ha bisogno di essere allenata e perfezionata per poter rispondere puntualmente alla sua volontà. Un bimbo che sposta oggetti da un contenitore all’altro sta eseguendo un travaso, e questo rappresenta un buon allenamento alla concentrazione, alla coordinazione oculo-manuale e al perfezionamento della manualità fine. Si tratta di conseguenza di un ottimo stimolo per l’autonomia.